15
Giu
2020

La cartella clinica elettronica di Afea è stata realizzata per supportare il medico e rispettare l’appropriatezza prescrittiva

I criteri di Start (Screening Tool to Alert to Right Treatment) e Stopp (Screening Tool of Older Persons’ Prescriptions) si confermano due strumenti essenziali per un’adeguata prescrizione dei farmaci ai pazienti anziani.

I criteri di STOPP sono stati elaborati da un gruppo di esperti irlandesi e hanno dimostrato di migliorare la prescrizione nel paziente anziano e ridurre le reazioni avverse. Sono suddivisi in 13 aree clinico/terapeutiche e consistono in elenchi di farmaci da evitare o usare con cautela. Le raccomandazioni sono da ritenersi applicabili nei soggetti con età ≥ 65 anni e possono essere applicati in diversi contesti (ospedali, case di cura, ambulatori ecc.). I criteri START identificano invece le prescrizioni potenzialmente omesse. Sono suddivisi in 9 sezioni e permettono di identificare i farmaci potenzialmente utili nei soggetti anziani. 

Sebbene l’uso di questi criteri non deve prescindere dalla valutazione clinica e non sono adatti a valutare l’appropriatezza prescrittiva nel fine vita o nei soggetti con limitata aspettativa di vita, rappresentano comunque uno strumento valido in un contesto di valutazione multidimensionale che deve poter considerare esigenze e priorità di un paziente particolarmente fragile.

Uno sguardo al contesto: in aumento i pazienti anziani

Secondo le proiezioni epidemiologiche, l’aumento dell’aspettativa di vita porterà nei prossimi decenni a una crescita importante del numero di anziani. Molte più persone presenteranno:

  • crescente morbilità dei disturbi
  • maggiore vulnerabilità e dipendenza
  • numerose patologie
  • disabilità fisica e cognitiva
  • sindromi geriatriche varie (es: cadute, malnutrizione, etc.).

Ciò significa che aumenterà il numero di pazienti particolarmente complessi. Difficili da curare e assistere con gli schemi della medicina ‘tradizionale’, orientati alla cura delle singole patologie.

La sfida per la sanità è gestire efficacemente prescrizione e somministrazione dei medicinali in questi pazienti, per i quali le terapie si complicano e aumenta il rischio di reazioni avverse.

La tecnologia offre, anche in questo contesto, dei vantaggi importanti che permettono di limitare il rischio a vantaggio della salute individuale e di una riduzione dei costi sanitari. 

Valutare l’appropriatezza prescrittiva con la cartella clinica elettronica di Afea

farmacoterapia - cartella clinica Afea

Le funzionalità evolute di una cartella clinica elettronica rappresentano un grande passo avanti proprio in termini di sicurezza di somministrazione e prescrizione delle terapie farmacologiche. La cartella clinica di Afea in particolare, per partire da un esempio concreto e tra i più aggiornati, permette la valutazione dell’appropriatezza prescrittiva attraverso i criteri di Start e Stopp che si presentano alla valutazione del medico e degli operatori sanitari in modo inequivocabile, immediato e intuitivo. L’approccio che è stato scelto è quello di una cartella che, forte di una banca dati sempre aggiornata del farmaco e una architettura funzionale basata su algoritmi, può dare delle risposte efficaci e puntuali. 

Criteri Start e Stopp e appropriatezza prescrittiva: banca dati aggiornata e algoritmi fanno la differenza

 

criteri start e stopp prescrizione farmaci agli anziani con la cartella di Afea

 

  • Banca dati: la cartella clinica di Afea è costantemente aggiornata da informazioni su gruppi di equivalenza, farmaci esteri e interazioni segnalate sui diversi livelli di gravità, 
  • Algoritmi. La soluzione supporta il medico nel ragionamento clinico in fase di prescrizione con algoritmi terapeutici che adeguano la terapia farmacologica allo stato clinico del paziente segnalando immediatamente le interazioni.
  • La User Experience in ultimo fa sì che le comunicazioni che arrivano dalla Cartella all’utente siano visivamente e intellettualmente facili da apprendere perché posizionate in determinate aree appositamente studiate dell’interfaccia e segnalate da colori che ne facilitano la riconoscibilità. [Se non l’hai fatto, leggi il nostro articolo dedicato alla User Experience nella Cartella Clinica di Afea]

Hai perso alcuni degli ultimi aggiornamenti sulla Cartella Clinica di Afea?

Leggi anche Ciclo del farmaco in Afea: maggiore sicurezza con la riconciliazione 

 

TORNA ALLE NOTIZIE

Commenti chiusi.

NEWSLETTER

Hai trovato interessante questo articolo? Per non perdere le prossime uscite iscriviti ora alla nostra Newsletter

Acconsento al trattamento dei dati secondo quanto riportato nella Privacy Policy